Commercio vogherese protagonista

Venerdì 11 maggio alla 636^ Fiera dell'Ascensione il vero protagonista è stato il commercio vogherese. Quello che scrive da decenni la storia della città, ne anima il centro storico e produce economia e lavoro. L'Assessorato al Commercio guidato da Marina Azzaretti, con la collaborazione delle due principali associazioni di settore locali ACOL e ASCOM, ha per il secondo anno consecutivo conferito riconoscimenti ufficiali della città di Voghera alla attività commerciali storiche cittadine. Si tratta di quei negozi, di quelle botteghe che sono ormai una parte essenziale del tessuto sociale e urbano e che dimostrano come anche in un periodo certamente non semplice sia possibile ancora operare efficacemente a Voghera, con continuità. I diversi premiati, infatti, nelle parole di ringraziamento all'amministrazione hanno sottolineato come il commercio vogherese sia tutt'ora una parte fondamentale dell'economia del territorio, che, anche attraverso opportune politiche di supporto e una visione di squadra, può non semplicemente consolidarsi, ma anche crescere. Aspetto, questo, messo in evidenza anche dalla presidentessa di ASCOM Voghera, Cristina Palonta, rappresentante, lei per prima, del commercio vogherese storico. Nelle sue parole, infatti, evidenti sia le criticità sia anche le occasioni prodotte dall'impegno che gli operatori commerciali e le loro associazioni, di concerto con il comune, profondono per creare nuove iniziative attrattive, che rendano Voghera più viva.
Questo l'elenco dei riconoscimenti 2018:
Anselmi Emanuela | 60° anniversario
Bascapè Carlo | 65° anniversario
Berardo Sabrina | 78° anniversario
Calzature Girardi S.r.l. | 45° anniversario
Colorificio Caliari di Caliari Marina e C. S.n.c. | 57° anniversario
Montiron S.r.l. | 85° anniversario
Pagani Marco | 60° anniversario
Tagliavini Michela | 72° anniversario
Zolla di Zolla Maurizia e Carla Francesca S.n.c. | 50° anniversario

In coda a questa celebrazione del commercio vogherese, una new entry nel panorama commerciale e produttivo iriense. Quella di Laura Marchesi, esperta pasticciera (e non poteva essere altrimenti data la sua attività canora con un quartetto dal gastronomico nome Sacher Quartett), che ha presentato un nuovo prodotto destinato a diventare tipico. Il Riscotto, questo il nome, è un omaggio ad uno dei simboli della cultura enogastronomica locale, il risotto con peperone di Voghera. Un classico riletto, dopo numerosi tentativi e studi, per creare un biscotto salato che al burro (della vicina Rivanazzano Terme) e alla farina (dei Molini di Voghera), unisce i peperoni disidratati di Cascina Malbosca, il grana e poco riso soffiato un superficie. Il risultato è un'autentica leccornia, leggera e piena di gusto, giustamente sapida, perfetta da gustare con un calice di Oltrepò Pavese, da un un fresco Metodo Classico D.O.C.G. (magari nella sua vivida variante rosé 100% Pinot nero, il Cruasé) a un aromatico Riesling. Per l'occasione, a sottolineare l'importanza del km zero, si sono uniti alla presentazione anche Manolo Crivelli dell'Osteria del campanile di Torrazza Coste e Moreno Baggini degli Orti Sociali di Voghera.

Share