Le aule della memoria

Tra gli eventi collaterali della 635^ Fiera dell'Ascensione, un ruolo di primo piano è sicuramente quello di un progetto importante, promosso dall'Assessorato alla Scuola quasi due anni fa e giunto ora ad uno snodo fondamentale. Si tratta de "Le aule della memoria", presentato venerdì 26 maggio alle ore 9.30 in una delle sale del Castello Visconteo.
Presenti numerosi studenti dell'Istituto Comprensivo di via Dante, moltissime docenti, ex dirigenti scolastici come Anna Corbi Guado e l'Assessore Marina Azzaretti, che ha sottolineato come la ricerca storica valorizza il nostro passato gettando le basi per un futuro più consapevole.
Il progetto è stato presentato in sintesi dal dott. Marzio Rivera, dirigente dell'Istituto Comprensivo di via Dante, che ha moderato l'incontro al quale hanno partecipato come relatori le professoresse Rita Inglese e Alessandra Casali, la dott.ssa Natalia Stocchi (responsabile dell'Archivio Storico Civico di Voghera) e la dott.ssa Anna Riva (dell'Archivio di Stato di Piacenza).
"Le aule della memoria" nasce dalla riscoperta di materiale documentale dimenticato nei sotterranei delle scuole Plana e Dante, costituito soprattutto da registri scolastici e parzialmente presentati già nel corso di una mostra nel 1998. Lo stato di conservazione precario e la volontà di coinvolgere gli studenti in un processo di riscoperta della vecchia Voghera, attraverso l'acquisizione di nuove competenze storiche e archivistiche, ha portato all'avvio di questo progetto articolato in tre fasi fondamentali: espositivo-museale, archivistica, laboratoriale.
I registri più antichi risalgono al 1860 e sono relativi all'ormai scomparsa scuola del Convento di Santa Caterina, che sorgeva tra le attuali vie Scovenna e Ricotti. Riaffiora così un lembo di una Voghera che non c'è più, ma che è stata concretamente e può tornare ad essere, idealmente, base indispensabile per il futuro della città.

Per approfondire: www.icviadantevoghera.gov.it/adm/

Share