Voghera e l’Oltrepò abbracciano la Sensia: inaugurata la 636^ edizione

Tra sport, musica, esposizioni e cultura si è aperta la fiera più antica di Lombardia.
Con un simbolico lancio di palloncini bianchi si è aperta oggi a Voghera la 636^ edizione della Fiera dell'Ascensione, la più antica fiera di Lombardia che fino a domenica sarà polo attrattivo per tutto l’Oltrepò con un fitto palinsesto di eventi, convegni, occasioni culturali e tanto divertimento con le giostre e attrazioni del luna park.
Fulcro della manifestazione l’ex caserma di Cavalleria con i suoi 2500 metri quadri di spazi espositivi in cui sono stati allestiti circa 80 stand a rappresentare, in gran parte, l’eccellenza dei prodotti e dei produttori del territorio. Qui sarà possibile riscoprire gli autentici sapori dell'Oltrepò, dai salumi ai ravioli De.C.O., o imbarcarsi in un affascinante viaggio tra le regioni italiane e gli aromi latini di Spagna, Messico e Argentina. Da segnalare inoltre l’aspetto solidale di questa fiera con la presenza della fondazione Telethon da sempre impegnata a finanziare la ricerca sulle malattie rare e il sostegno della Sensia ai produttori di Norcia, comunità che cerca di riemergere dopo gli eventi sismici che l’hanno colpita.
Significative le parole del primo cittadino Carlo Barbieri durante l’inaugurazione ufficiale: “Quest’anno la Fiera dell’Ascensione ha avuto una genesi diversa, perché per la prima volta la sua organizzazione è stata affidata a una società esterna, Fiere In, alla quale è stato dato il compito di rinnovare e portare nuove attrattive alla nostra Sensia nell’arco temporale di tre anni!”
Anche il Presidente del Consiglio Nicola Affronti ha sottolineato l’importanza della valorizzazione dei prodotti tipici del’Oltrepò, mentre l’Assessore alla Cultura Marina Azzaretti ha enfatizzato il ruolo della Sensia 2018 come punto di aggregazione e sviluppo del made in Oltrepò.
Presenti alla cerimonia tutte le Forze dell’Ordine, i rappresentanti di numerose associazioni e tante autorità politiche locali e nazionali.
Tempo di concludere la cerimonia inaugurale che la Sensia è entrata subito nel vivo a ritmo di corsa: dalle 20 ha preso il via dall’ex caserma la partecipata camminata libera per le vie della città “Curuma a la Sensia” per poi cedere il palco allo spettacolo musicale di preghiera “Le note di Kairos”.
Oggi (venerdì 11 maggio) altra giornata importante con un altro taglio del nastro: alle 11 è stata inaugurata l’Area Fermi che torna ad essere protagonista alla Sensia nella sua tradizionale veste rurale con trattori e macchinari agricoli, aggiungendo però numerose novità tra cui un camion spettacoli autonomo con intrattenimento per i più piccoli, truccabimbi e musica country, street food da ogni angolo del mondo e artigianato.
E ancora alimentazione con l'interessante convegno con showcooking di domani mattina organizzato dalla Presidenza del Consiglio Comunale con l'Assessorato ai prodotti tipici, Coldiretti Pavia e il Consorzio di tutela vini dell'Oltrepò Pavese dal titolo “Pop al Top: assaggia l'Oltrepò con gli agrichef”.
Sul fronte degli spettacoli, la Sensia 2018 conferma un cartellone ricco di proposte: scuole di danza, band locali e dj set, al quale si aggiunge l'inedita presenza di Pino Colucci (artista della trasformazione capace di portare sul palco grandi personaggi come Renato Zero, Adriano Celentano e Vasco Rossi).
La cultura si mette in mostra con una ampia serie di esposizioni: quelle al Castello Visconteo (“Itinerario dell'immagine nei labirinti della pittura di Gerico dal 1968 al 2018” e “Silenzi” a cura del Fotoclub ImmaginIria), “Voghera io la vedo così” mostra fotografica di Primula Edizioni in Emeroteca, “Collezionando... di tutto un po'” del Circolo filatelico numismatico vogherese in via Emilia 6, “Ritratti” con fotografie di Riccardo Nosvelli allo Spazio 53.
I musei cittadini, Museo storico Beccari e Museo di Scienze Naturali Orlandi, effettueranno aperture straordinarie. Il Museo Orlndi organizza anche laboratori didattici per i più piccoli e l'affascinante mostra “Mammut e altri giganti dell'era glaciale”.
La chiusura domenica sera, sarà affidata alle emozioni dei giochi pirotecnici che daranno l’arrivederci all’edizione 2019 della più antica fiera di Lombardia, giunta quest’anno alla 636^ edizione.

Share