Piano anti-inciviltà

La 637esima edizione della Fiera dell’Ascensione è l’occasione per il lancio del nuovo “Piano anti-inciviltà” messo in campo dall’amministrazione per combattere tutti quei comportamenti che non solo dimostrano mancanza di senso civico, ma, soprattutto, che mettono alla prova la bellezza, la vivibilità, la qualità della nostra città.

La 637esima edizione della Fiera dell’Ascensione è l’occasione per il lancio del nuovo “Piano anti-inciviltà” messo in campo dall’amministrazione per combattere tutti quei comportamenti che non solo dimostrano mancanza di senso civico, ma, soprattutto, che mettono alla prova la bellezza, la vivibilità, la qualità della nostra città.

Voghera, secondo lo slogan che accoglie anche allo stand del Comune, si riscopre vera, ritrova la sua autenticità nella sicurezza, nel territorio, nell’ecologia. Ma per farlo davvero si misura con la centralità del ruolo del cittadino, chiamato a vivere, ad amare e a rispettare la città.

Ecco allora tre forti immagini che richiamano l’attenzione su gesti sbagliati, estremamente comuni (purtroppo) che riducono l’efficacia del lavoro degli addetti del Comune e di ASM. Gettare a terra il mozzicone, la cicca di una sigaretta. Lasciare a fianco di un cassonetto un sacco di immondizia. Non raccogliere gli escrementi del proprio cane. Sembrano, forse, piccole cose. In realtà si tratta di atteggiamenti che, nella loro quotidianità e ripetitività, incidono pesantemente sul decoro cittadino. Si tratta di azioni che hanno un costo elevato per l’immagine di Voghera, ma anche per le sue casse. E non solo.

Nel 2018, il consiglio Comunale ha varato un nuovo regolamento di polizia urbana, che ha reso ancora più stringenti le norme in materia di decoro urbano, inasprendo le sanzioni per quanti non rispettano le regole.

Se non basta il pudore o il senso civico, quindi, interviene l’attenzione alle proprie tasche: quella piccola cicca di sigaretta lasciata a terra, infatti, può generare una sanzione fino a € 300. Abbandonare rifiuti per strada e ai lati dei cassonetti provoca una multa di € 200. Non raccogliere le deiezioni del proprio fedele amico può costare un’ammenda di € 300. Questi sono i tre casi presi ad esempio dalla campagna del “Piano anti-inciviltà” che nei prossimi mesi interesserà tutta la città, ma non mancano certo altre situazioni di poco senso civico pronte e tradursi in una multa. Ecco, di seguito, le altre tipologie principali:                           

Sporcare le fontane € 300
Insudiciare e imbrattare le strade € 300
Imbrattare i muri e fare graffiti € 300
Lasciare a casa i sacchetti per le deiezioni del cane € 300
Abbandonare rifiuti ingombranti per strada € 200
Danneggiare i contenitori dei rifiuti € 300
Mettere volantini e biglietti sui parabrezza delle auto € 450

Share